NAV_VIEW_SEARCH

NAVIGATION

SEARCH

BeConnected, a scuola di nuove tecnologie per aspiranti creativi di tutte le età

Se volete imparare a stare connessi con creatività, allora è il caso di fare un salto alla collezione Peggy Guggenheim di Venezia dove, grazie a Digital Accademia, prima scuola digitale in Italia, e a Big Rock, scuola di animazione e grafica 3D, sono in programma tanti laboratori fino al prossimo aprile sotto il nome di  BeConnected.

Sono incontri rivolti a tutti, bambini, ragazzi e adulti, con approfonditi temi dedicati alle nuove tecnologie, ma con una marcia in più.

E’ dedicato ai bimbi dai 7 ai 10 anni “Dal disegno all'animazione in stop motion”: la creatività di un disegno e la manualità  di un personaggio realizzato con il pongo interagiscono su un iPad con una serie di scatti in successione, secondo la tecnica dello stop motion. Nel ruolo di creatori, registi e "attori"  per i ragazzi dagli 11 ai 14 anni è previsto il corso: “Realizziamo un film!”. Un lavoro di ricerca online per creare una vera e propria sceneggiatura volta alla realizzazione di un cartone animato. Partendo da personaggi LEGO grazie ad una piccola produzione in stop motion, i ragazzi li vedranno muoversi e agitarsi come nei più divertenti "cartoni animati". E infine per gli adulti, Social networks: spiegatemi perché”, le regole della comunicazione sviluppate dai giovani attraverso l’uso del digitale spiegate a genitori e nonni e “Quanto siamo s-connessi?” pensato per esplorare e potenziare la propria capacità di relazione attraverso la comunicazione virtuale.

Per tutte le età e per tutte le esigenze BeConnected è un’iniziativa davvero interessante, un’occasione in più che Dama.com consiglia a quanti vogliono iniziare a muovere i primi passi in rete senza restarci intrappolati, senza perdere di vista la propria creatività e fantasia. 

 

Milano, capitale dell'editoria

Per tutti voi che avete viaggiato solamente aprendo un libro, insieme ai vostri eroi, per chi ha sognato attraverso illustrazioni di mondi lontani, Dama.com segnala la mostra Da Pinocchio a Harry Potter. 150 anni di illustrazione italiana dall’archivio Salani 1862-2012 promossa dal Comune di Milano-Cultura con Adriano Salani Editore (Castello Sforzesco, Sala Viscontea fino al 6 gennaio, ingresso libero). In esposizione 300 opere grafiche uniche, tra volumi, documenti e, soprattutto, splendide illustrazioni originali.
Il percorso è cronologico: dagli inizi fiorentini del 1862 fino al fenomeno Harry Potter. Grande spazio ai testi per l’infanzia, classici e non: “Biancaneve”, “La fabbrica del cioccolato” e “Pippi Calzelunghe.”

Sempre al Castello Sforzesco, dal 16 al 18 novembre, apre Book City, una grande kermesse dedicata all'editoria, voluta dal Comune di Milano e dal Comitato Promotore (Fondazione Corriere della Sera, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, Scuola per Librai Umberto ed Elisabetta Mauri), che hanno chiamato a raccolta gli editori italiani per realizzare un evento condiviso tra tutti i protagonisti del sistema editoriale. Centinaia di eventi, tra incontri con autori e presentazioni di libri, mostre, spettacoli e seminari che si svolgeranno nelle librerie, biblioteche, scuole e istituti culturali di tutta la città.
Book City non prevede la presenza di stand delle case editrici, ma vuole essere un momento di incontro tra lettori e autori con eventi dedicati, durante i quali sarà anche possibile acquistare copie delle opere autografate.
"Con Book City, Milano si candida a giocare il ruolo che le spetta nel mondo della cultura editoriale e libraria. Il format dell'iniziativa sarà quello di un evento diffuso su tutto il territorio cittadino, capace di interconnettere mondi, culture e tradizioni diverse tra loro", ha spiegato l'assessore alla Cultura Stefano Boeri in occasione della presentazione di Book City a Palazzo Reale.

Ci vediamo li!

La nostra vita e le APP

applicare: dalla definizione di Garzanti: [ap-pli-cà-re] Dal lat. applica¯re, comp. di a°d 'verso' e plica¯re 'piegare', quindi propr. 'avvicinare'. . tr. [io àpplico, tu àpplichi ecc.]
1 fare aderire una cosa sopra un'altra; apporre, attaccare (anche fig.): applicare un'etichetta, un cerotto; applicare le tasche a un abito; applicare una pomata su una ferita; applicare la mente a qualcosa, rivolgerla intensamente a essa; applicare un nome, un titolo a qualcuno, attribuirglielo |
applicarsi v. rifl. dedicarsi intensamente a qualcosa: applicarsi allo studio, al lavoro | (assol.) impegnarsi: applicarsi molto, poco.

A COSA SI APPLICANO LE APP?ALLA VITA INTERA! :-)
Nel giro di pochi anni sono diventate compagne inseparabili della nostra vita: dal meteo alla mappa dei mezzi pubblici per andare al lavoro, dalla prenotazione dell'hotel per le prossime vacanze alla condivisione con i nostri amici di foto, video, commenti e segnalazioni. Dallo sport alle ultime notizie, a cosa fare alla sera a cercare un buon ristorante per la cena....e ancora! Le app sono ovunque, seguono ogni momento della nostra giornata e ormai non ne possiamo più fare a meno! Tanti invisibili dati partono dall'utente e si intrecciano sempre di più con una enorme quantità di informazioni generando soluzioni, possibilità, analisi, idee. l'uomo si amplifica, si modifica, si potenzia. Uomo e macchina per crescere in modo esponenziale, per condividere, per capire. Le App diventano protagoniste indiscusse di questa nuova visione del mondo, bisogna esserci altrimenti si è fuori.

Progettate con noi la vostra prossima App!

 

ADDITIONAL_INFORMATION