NAV_VIEW_SEARCH

NAVIGATION

SEARCH

SOCIAL E APP: PORTE APERTE AL MONDO DEI VIDEO

La comunicazione di oggi è in grande parte sul web, ma sono i social network e le applicazioni messaggistiche istantanee ad aver conquistato il nostro modo di comunicare con gli altri.
Utenti di età più disparate - da quelli che non perdono un aggiornamento e si tengono informati su tutte le ultime applicazioni e frontiere, a quelli meno agguerriti sul web - utilizzano i social network per comunicare.

Ma la svolta oggi si gioca sul piano dei video, un territorio al quale stanno cercando di aprirsi tutte le applicazioni messaggistiche e i social che si rispettino.  Si stima infatti che, solo negli Stati Uniti, il fatturato legato ai video arriverebbe addirittura a raggiungere cifre come 7,5 miliardi di dollari entro la fine del 2015.

Dopo l’arrivo di Youtube, la piattaforma web più famosa al mondo per la visualizzazione e la condivisione in rete di video, che oggi colleziona più di un miliardo di utenti al giorno (per un totale di miliardi di visualizzazioni totali), anche gli altri social e applicazioni per smartphone hanno trovato un modo per aprire le porte al caricamento e alla condivisione dei video, adattandosi alle esigenze del mondo del web.

Per prima l’applicazione messaggistica istantanea Snapchat, la cui caratteristica principale è quella di poter condividere contenuti che scompaiono dopo qualche istante, che ha da sempre incluso i video al suo interno, e il cui numero di visualizzazioni ha subito una forte impennata nell’ultimo periodo.
La stessa svolta ha coinvolto Facebook, che ha deciso di aprire le frontiere al mondo dei video e, recentemente, ha creato Mentions, strumento che permette di guardare le dirette streaming sui profili dei vip.
Anche in questo caso le visualizzazioni sono praticamente raddoppiate, soprattutto perché Facebook permette di caricare video di qualche minuto, mentre su Snapchat ci si può scambiare solo clip che durano pochi secondi.

Ma la guerra dei video tra applicazioni e social non finisce qui, anzi: nuovi strumenti sono sempre pronti a conquistarsi una nuova fetta del mercato, come Instagram, che consente da due anni di pubblicare video oltre condivisione di foto e Whatsapp, app di messaggistica istantanea che ha spopolato negli ultimi anni perché consente non solo di inviare, ma di scattare foto e registrare video direttamente e senza uscire dall’applicazione!
 Twitter, con il lancio di Vine, una piattaforma per la pubblicazione di brevi video, e Periscope, che consente di  trasmettere in streaming le riprese fatte con il proprio smartphone, ha addirittura collezionato 10 milioni di utenti in pochissimi mesi.

Insomma, il video sembra proprio essere diventato uno dei contenuti più richiesti del web…  chi riuscirà a stare al passo e a conquistare sempre più utenti?!

OVS e la nuova digital experience: meglio online o in store?

Credits Sterling Cooper

Credits Sterling Cooper

OVS, con il suo nuovo store di Corso Buenos Aires a Milano, ha inaugurato nei suo negozi una shopping experience interattiva, indissolubilmente legata alla tecnologia e a un nuovo modo di fare acquisti divertendosi.

La rivoluzione partita da Benetton con il concept “On Canvas” ha conquistato anche OVS,  che nel suo più grande flagship store, quello di Milano, invita allo shopping un target ben specifico e spesso difficile da conquistare: quello dei genitori che fanno acquisti per e con i propri bambini.

L’esperienza d’acquisto si trasforma da frustrante in appagante: anche i più piccoli possono divertirsi facendo shopping e l’idea in più è arrivata con Econocom che ha messo a disposizione di OVS “Play Your Look”, una piattaforma virtuale con cui i bambini possono interagire giocando con abiti e note e il progetto #thefutureison studiato da Sterling Cooper.
I giovanissimi (e non solo) possono spostare capi di abbigliamento, a cui corrispondono delle note, creando melodie che risuonano in negozio, tutte da ballare. Non solo vestiti virtuali, ma anche vestiti veri: una selezione di articoli presenti in negozio è dotata di un QR code che, se avvicinato al lettore, integra il capo di abbigliamento nella melodia suonando la nota ad esso associata.

Con Play Your Look i bambini diventano piccoli Dj, suonano, giocano, si divertono, entrano in contatto con la tecnologia… e anche gli adulti non resistono alla tentazione di provare a suonare gli abiti! A loro disposizione, poi, ci sono anche camerini virtuali e Interactive Kiosk che rendono davvero unica la shopping experience.

Una scelta intelligente, quella di OVS, che conquista target trasversali e specifici trasformando un momento di acquisto da stressante a divertente, aumentando la permanenza in negozio e potenzialmente anche le vendite.

La soddisfazione del cliente è un obiettivo che tutti devono seguire e perseguire senza trascurare nessun dettaglio: dal fattore umano ai concorsi, dal tone of voice alla tecnologia che ormai permea sempre più la vita quotidiana. In questo modo la strategia è win-win: il retailer, in questo caso OVS, vende meglio e di più, il cliente (adulto o meno che sia) è molto soddisfatto.

Come ci si rinnova? Dama.com è a vostra disposizione! 

Il comunicato stampa:cosa, come e dove comunicare

Il modo più efficace per un’azienda, un’associazione, un ente o un singolo professionista di comunicare? All’interno di un piano di comunicazione efficace non può mancare il comunicato stampa, testo informativo redatto per promuovere una notizia, le ultime iniziative, un evento o lanciare un nuovo prodotto che possa interessare il pubblico. A chi sarà destinato? Alle testate giornalistiche, ai blog più seguiti,  alle tv e alle radio nazionali, ai portali web.
Il comunicato contiene la descrizione di un fatto o una notizia che deve essere scritta in modo efficace e diretto, senza esprimere opinioni personali. La comunicazione vincente e diretta è fondamentale nel comunicato stampa, che deve essere accattivante, originale e informare in modo esaustivo, deve contenere i tratti distintivi della "news" che vogliamo diffondere in modo che sia interessante per il giornalista o il blogger che lo riceve.

Proprio perché destinato a testate giornalistiche e al mondo dei media e della comunicazione, lo scopo di un comunicato stampa è quello di informare e nello stesso tempo attirare l’attenzione: un titolo a effetto, un testo breve e scorrevole con le parole chiave di ciò che si sta comunicando messe in evidenza, un occhiello dedicato alle informazioni più salienti che permettono a chi lo legge di capire subito se la notizia può essere interessante. E per quanto riguarda il testo vero e proprio? La stesura del comunicato stampa dovrà rispettare la regola giornalistica delle cinque W, rispondendo quindi alle domande fondamentali: chi, che cosa, dove, quando e perché? L’espediente di suddividere in due sezioni il comunicato, una prima parte con le informazioni più salienti e un linguaggio altamente comunicativo e immediato e la seconda con tutti gli approfondimenti del caso, può essere utile.
In chiusura firma, luogo, data e tutte le informazioni di contatto che serviranno al giornalista saperne di più.

L’obiettivo principale? Quello di indurre i destinatari a pubblicare e diffondere la notizia sulle testate giornalistiche, i media e chi si occupa di social media e, proprio per questo, faranno la differenza l’ufficio stampa e il suo addetto stampa, nello scrivere un comunicato che colpisca, catturi l’attenzione di  redazioni,  giornalisti, agenzie  ed emittenti radio-tv.  L’addetto stampa si preoccuperà di inviarlo a una mailing list selezionata, eventualmente con foto o file allegati: in questo modo potrà colpire nel segno, comunicare nel vero senso della parola il messaggio che sta lanciando e diffonderlo tramite portali web dedicati, che incentivano la pubblicazione e la distribuzione rapida di comunicati di privati e aziende.

La chiave di volta è quella di facilitare e incentivare il lavoro di chi potrà aiutarci nella diffusione della notizia, comunicando qualcosa di nuovo in modo efficace, comprensibile e interessante, affidandosi per questo a professionisti del mondo della comunicazione, con  la giusta esperienza nel campo e i contatti utili. L’attività di un ufficio stampa non si limita solo alla stesura e alla diffusione di un comunicato, ma anche e soprattutto a creare rapporti con i giornalisti e con tutto il mondo della diffusione su larga scala delle notizie. L'ufficio stampa avrà selezionato i media partner più attinenti al prodotto o servizio che si vuole comunicare in modo da parlare direttamente agli specialisti del settore e di conseguenza a un target potenzialmente altamente interessato all'argomento trattato.

Centrare il focus di un comunicato stampa e gli interlocutori a cui è destinato è fondamentale per la massima diffusione della notizia!

ADDITIONAL_INFORMATION